Allestimento,  GESTIONE ACQUARIO

Fondo per biotopo amazzonico in acquario

Scegliere il tipo di fondo per acquario amazzonico

Quale è il miglior fondo per un acquario di biotopo amazzonico? Molti acquariofili discutono sulla colorazione del substrato, se sia meglio chiara o scura. Non solo: anche la granulometria è un criterio di valutazione… Infine, bisogna prendere in considerazione pure le proprietà chimiche del fondale. In questo articolo vediamo quali sono le soluzioni per ottenere un buon fondo in un acquario amazzonico.

Fondale in natura

Come abbiamo visto nell’articolo Acquario Biotopo Amazzonico, le caratteristiche dei fiumi dell’Amazzonia possono essere molto varie.

A seconda del tipo di acqua, infatti, vi sono delle corrispondenze più o meno rigide con una tipologia specifica di substrato. L’interazione tra il liquido e le caratteristiche del fondale sono fondamentali per plasmare quello che è il vero ambiente originario, da un punto di vista chimico, dei pesci e piante amazzonici.

Sedimenti e fondale in zona andina

Il complesso di sorgenti e poi fiumi della zona andina presenta caratteristiche piuttosto diverse dai bacini di acque scure a valle, verso il centro del Brasile e verso l’Atlantico.

Lo scorrere delle acque nelle zone andine le arricchisce di sedimenti minerali che, in parte, vengono depositati lungo il percorso. La quantità minore di fogliame di quest’area, inoltre, non porta alla formazione di letti ricchissimi di materiale vegetale in decomposizione, come invece avviene alcune centinaia di chilometri a est.

Naturalmente queste sono considerazioni assolutamente macroscopiche: piccoli ruscelli e laghetti possono presentare caratteristiche molto differenti dai corpi idrici principali…

 

L'effetto dei detriti vegetali e le foglie

Nella zona di foresta la quantità di foglie che cade ogni anno è impressionante. L’effetto di questa biomassa vegetale all’interno dei fiumi è altrettanto notevole.

In primo luogo, l’accumulo di detriti organici in decomposizione va a stimolare la proliferazione di determinati microrganismi.

Ciò porta a diverse conseguenze rilevanti anche per l’acquariofilia. Ad esempio, la biomassa di microrganismi decompositori riduce la concentrazione di ossigeno, in quanto attuano processi ossidativi. 

La decomposizione di foglie e materiale di origine vegetale rilascia vari composti chimici tra cui acidi umidi, fulvici e tannini. Questi hanno un effetto acidificante e colorano l’acqua di giallo – bruno. 

Fondo acquario amazzonico, un sabbia fine è adatta ai tipici pesci bentonici sudamericani

Il fondo dell'acquario amazzonico acque scure

Il fondo dell’acquario amazzonico di acque nere non sarà mai funzionalmente paragonabile a quello naturale.

Nel letto dei fiumi si alternano strati minerali, organici e a diversi livelli di decomposizione, a cui corrispondono specifiche tipologie di micro e macro organismi. Non solo: anche la concentrazione di ossigeno è variabile nella verticale del fondo. 

In acquario ci possiamo limitare a introdurre uno strato di sabbia fine di colore opaco e un letto di foglie secche a coprire. Non è un problema la presenza di ciottoli e ghiaia, ciò che va evitato è il pietrisco e in generale i substrati abrasivi. Questi possono danneggiare bocca e barbigli dei pesci bentonici, ovvero quelli che vivono a stretto contatto con il fondo dell’acquario. Sono bentonici i Corydoras, gli Ancistrus, tanti “pleco” (loricaridi), pesci gatto e anche alcuni ciclidi necessitano di un substrato scelto accuratamente.

Purtroppo non è possibile ricreare fedelmente il substrato naturale, in quanto avrebbe frazioni talmente fini e leggere che renderebbero costantemente torbida l’acqua. Questo problema è legato, in verità, al tipo di ricircolo dell’acqua: il flusso delle pompe tende a scavare il substrato, pertanto se non vi è un minimo equilibrio massa/volume e superficie delle particelle, queste potrebbero non sedimentare mai.

Fondo per altri allestimenti

Se l’ambiente di ispirazione non è di acque scure, probabilmente si rivelerebbe incoerente l’uso esagerato di foglie secche e detriti vegetali.

Alcuni fiumi amazzonici, infatti, presentano acque limpide e un fondale ricoperto di vegetazione. Questa riesce a crescere bene grazie alla maggiore penetrazione della luce, molto ostacolata se in sospensione vi sono particelle minerali e fanghi (acque bianche) o acidi colorati e tannino (acque nere).

In questo caso, quindi, una buona scelta può ricadere sia su fondali sabbiosi, sia di materiali adatti alla coltivazione di piante… Potete valutare l’uso di una componente inorganica/organica fertilizzante spessa 1-2 cm da porre a contatto con il vetro di base, dunque ricoperta accuratamente con 2-5 cm di materiale minerale fine…

Cura del fondo dell'acquario amazzonico

Vi sono tante opinioni sulla corretta gestione del fondale e quasi tutte, in determinate situazioni, possono rivelarsi il metodo vincente. 

E’ importantissimo sottolineare, però, che nessuna affermazione o “regola consigliata” va recepita in modo dogmatico. Vale a dire che ogni affermazione merita e deve essere accompagnata da una sufficiente argomentazione. 

Alcuni acquariofili hanno la passione per gli interventi invasivi: utilizzano un sifone (ve ne sono in commercio specifici per acquaristica) una o più volte a settimana per aspirare ogni detrito, lasciando sostanzialmente solo la sabbia e le foglie ancora intere. 

In questo modo si riduce la frazione organica che, dopo la sua decomposizione, alzerebbe la concentrazione di azoto (in forma di nitrato) e fosforo in acqua. 

Ciò ha assolutamente senso e utilità in vasche molto affollate, magari di allevamento/accrescimento.

In un acquario poco popolato e ricco di piante, invece, tutti i detriti che si decompongono sul fondale possono portare a dei benefici.

Dalle loro decomposizione si ottengono due “risorse”:

  • Microrganismi vivi che, predati da creature via via più grandi, possono arricchire la dieta dei pesci
  • Nutrienti inorganici: azoto e fosforo rilasciati dalle decomposizione sono tra i nutrienti più importanti per le piante

Fondo dell'acquario amazzonico, informazioni aggiuntive

In questo articolo introduttivo dovreste aver ottenuto una idea, pur generica, di come procedere con l’allestimento del vostro acquario amazzonico. Il fondo è davvero importante per gli acquari, tanto che in alcuni allestimenti diventa il cuore di funzionamento del sistema. Addirittura può superare l’efficacia del filtro artificiale. 

Per ulteriori domande sul fondo dell’acquario a biotopo amazzonico, lasciate un commento o contattateci a info@rancan.org

Matteo Rancan, 19 anni, è un appassionato di acquariofilia con un particolare interesse per i microrganismi acquatici. Nella vita si occupa di gestire le sue aziende nel campo dell'acquacoltura e del digitale, mentre nel tempo libero scrive articoli per i suoi siti web come Colture Acquatiche e Acquario Amazzonico.

Privacy PolicyCookie Policy